Il progetto “Archivio Digitale”

0
215

L’idea del progetto viene da lontano e comincia a realizzarsi nel 2006 con la digitalizzazione di 1.500 foto del Fondo fotografico, che hanno costituito la base per la pubblicazione del DVD multimediale La storia per immagini. La digitalizzazione di tutte le foto è stata completata nel 2011 all’interno del progetto Adige.

L’analisi e la catalogazione tematica del Fondo documentario, già presa in considerazione e preliminarmente impostata dal 2007 al 2010, nel 2017 viene avviata, insieme alla digitalizzazione, attraverso un microprogetto finanziato grazie ai fondi per il settantennio del voto alle donne: 50.000 le pagine digitalizzate (circa 9.000 documenti); 3.000 i fascicoli schedati; 1.200 i documenti online, corredati di nota redazionale, schedati con doppia catalogazione (archivista e tematica).
I 9.000 documenti digitali sono consultabili, insieme a quelli cartacei ancora non digitalizzati presso la sede nazionale del CIF; i 1.200 documenti schedati online sono disponibili nell’Archivio digitale, insieme alle 1500 foto del Dvd multimediale.

Il progetto è un Work in progress e, per modalità di ideazione e realizzazione, vuole essere uno strumento “interessante” e esplorabile non solo per storici, esperti, ricercatori, ma potenzialmente per le donne del Cif, per tutte le donne, per i navigatori della rete.


L’ARCHIVIO DIGITALE

Criteri di selezione dei documenti attualmente online

  • data compresa tra il 1944 e il 1960
  • capacità di documentare il contributo dato dal Cif alla ricostruzione del Paese nel secondo dopoguerra e alla promozione del’emancipazione sociale, politica, economica e culturale delle donne
  • appartenenti a un arco tematico il più possibile ampio

Catalogazione tematica

  • impostazione su 2 livelli: tema articolato in sottotemi collegati
  • ricerca di equilibrio nei diversi temi e sottotemi individuati tra “essere comprensivi” e “non essere generici”
  • individuazione dei temi, ma soprattutto dei sottotemi, ovviamente in progress, in relazione alla quantità di documenti catalogati

Obiettivi

  • Garantire l’ottimizzazione della conservazione e la salvaguardia dei documenti
  • Mettere in circolo la memoria, permettendo una fruizione più immediata e diffusa dei contenuti dell’archivio su livelli diversi: dal semplice navigatore della rete allo specialista
  • Consentire una più ampia conoscenza del secondo cinquantennio della storia italiana del 900 che s’intreccia con quella delle donne del CIF
  • Far emergere la peculiarità e la ricchezza insostituibile dell’apporto femminile alla vita democratica fin dal dopoguerra
  • Motivare il recupero e il riordino della vasta documentazione cartacea e fotografica posseduta dai CIF locali
  • promuovere percorsi di ricerca a livello scientifico e iniziative di valorizzazione culturale
  • Favorire il recupero di contenuti base, “fondanti”, che possono interessare non solo le donne ma anche e soprattutto le giovani generazioni, per sostanziare il presente e il futuro con elaborazioni del passato ancora valide e attuali