Sei in >> HOME / Comunicati / 2016cs / maternità /
Secondo “stop” alla maternità surrogata
Roma, 18 marzo 2016

Martedì 15 marzo u.s. a Parigi, la Commissione Affari Sociali del Consiglio d'Europa ha respinto il progetto che apriva a una legalizzazione dell'utero in affitto. E' il secondo stop alla maternità surrogata, dopo la condanna già votata a dicembre dal Parlamento Europeo.

Cattoliche e femministe si sono trovate insieme a respingere e mettere fuori legge questa pratica che "non ammette sconti". E' nata un'alleanza delle donne, le prime a sostenere che non si possono mercificare i bambini e il corpo femminile. "Torniamo all'etica del nascere, non vi è nulla di umano nell'essere fabbricati come prodotto, è umano essere generati da un uomo e una donna", - dice Silviane Agacinski -  storica figura di riferimento del femminismo progressista europeo, che esprimendo soddisfazione  per la crescente mobilitazione delle donne,  avverte anche che "la battaglia sarà ancora lunga e difficile".

Il distacco con cui si parla di vite umane, di persone, di donne, di bambini è impressionante. E' un fenomeno aberrante che dobbiamo stroncare tutte insieme, a qualunque livello.